8 gennaio 2014: ACCOGLIENZA RELIQUIA
DEL BEATO FRANCESCO PALEARI IN COMPIANO (PR)

di don Amedeo Mantovani

La parrocchia di S. Giovanni Battista in Compiano, giovedì 8 gennaio è stata visitata e benedetta dalla reliquia del nostro beato Francesco Paleari del Cottolengo. Anche i sacerdoti della Val Taro e Val Ceno hanno creduto bene solennizzare tale evento con un Ritiro. Così, il giorno prima: il 7 gennaio si sono dati appuntamento presso il vicino Seminario ed hanno ascoltato volentieri l'attuale Padre della Casa Cottolenghina: Padre Lino Piano.

Questi ha tracciato con chiarezza le linee guida della spiritualità del nuovo Beato. Ricordava: il Beato Francesco, pur non avendo fatto nulla di straordinario, si è rivelato maestro insigne di santità, ripercorrendo il segreto dell'Apostolo Paolo quando dice: “Mi sono fatto tutto a tutti, pur di guadagnare ad ogni costo qualcuno”. Egli poi prediligeva i poveri e gli ammalati, inoltre nutriva una fede assoluta nella Divina Provvidenza (in questo assomigliava al Santo Fondatore: il Cottolengo). Molti anni della sua esistenza li dedicò alla formazione dei seminaristi che gli furono affidati, distinguendosi e rendendosi amato, sia come docente, sia come educatore. Tale fu la stima che si meritò presso i suoi superiori ed il vescovo diocesano che pur fra i molteplici impegni, gli venne affidato il compito di predicare gli esercizi spirituali al clero e fu eletto “Vicario moniale”, cioè guida spirituale per le suore. Il suo motto era: “Non per forza, ma per amore, o meglio: per forza di amore”. Per questo la sua vita fu un quotidiano, semplice e fedele inno all'Amore di Dio, nel quale ha riposto la sua fede anche nei momenti di prova. Diceva: “La Croce prima è amarissima, poi amara, poi dolce ed infine rapisce in estasi”.

Il giorno seguente, l'8 gennaio, presso la Casa di Riposo di Compiano, dove ci sono ancora 3 suore cottolenghine, il Vicario Zonale Don Angelo Busi, con il rettore del Seminario di Bedonia e il parroco di Compiano, hanno celebrato la S. Messa animata dal piccolo coro dei bambini. Nell’omelia è stata messa in evidenza la spiritualità del Beato fatta di piccole cose, ma compiute in modo straordinario, così da guadagnarsi la stima e la confidenza di quanti lo conobbero.

In serata la reliquia è stata portata in San Rocco di Compiano, dove, presenti le tre suore animatrici dell'incontro: Suor Felicita superiora, Suor Piera e Suor Domenica, è stato proiettato un DVD sui tratti più salienti della vita del Beato. Ci si è quindi intrattenuti per alcuni momenti in fraterna conversazione e al termine è stata data la benedizione con la reliquia del Beato. Sono stati distribuiti opuscoli e pieghevoli sulla vita del Beato, più coroncine del Santo Rosario. Il desiderio di tutti i partecipanti è stato che il Beato Francesco interceda per noi tutti, affinché tutti possiamo un giorno rivederlo Santo tra i Santi nella Casa del Padre!

 

 

DON FRANCESCO PALEARI: LA SANTITA' ORDINARIA
di Monsignor Angelo Busi

Presso il Seminario di Bedonia si sono riuniti mercoledì 8 gennaio i sacerdoti del Vicariato Valtaro-Valceno della Diocesi di Piacenza-Bobbio per il loro ritiro mensile.

L'incontro è stato guidato da Don Lino Piano, Padre generale della Piccola Casa, che ha presentato la figura del beato Francesco Paleari come esempio di vita sacerdotale improntata alla semplicità del vangelo. Il prete non è chiamato prima di tutto a svolgere un ruolo, bensì è chiamato a servire il vangelo nei fratelli. Il percorso sacerdotale del beato Paleari è la dimostrazione che non occorrono doti eccelse né titoli accademici, né azioni eroiche per raggiungere la santità. Il prete non è chiamato a cimentarsi in imprese straordinarie ma a trasformare con l'amore di Cristo ogni gesto quotidiano. Così nella sua vita sono stati tanti i compiti svolti ma la costante di sempre è stata la gioia, il segno autentico della Provvidenza. Se i risultati dipendessero esclusivamente da noi e dal nostro impegno, dovremmo a volte essere preoccupati e rassegnati. Non sempre infatti le nostre iniziative riescono, non sempre il nostro impegno è adeguatamente ripagato. Per questa strada possono arrivare nella vita del prete ansia e tensione. Il sorriso costante di Don Francesco stava a dire che davvero Dio provvede: a noi il compito di assecondare la sua volontà senza alcuna paura.

L'esposizione chiara e coinvolgente del relatore ha stimolato i sacerdoti in una riflessione dalle implicazioni pastorali e spirituali. Come affrontare le difficoltà della pastorale? Come testimoniare la fiducia nella Provvidenza di Dio in questo nostro tempo veloce e superficiale? Come valorizzare il magistero quotidiano di Papa Francesco che ci ricorda l'importanza di uno stile evangelico improntato alla semplicità dei discepoli? I sacerdoti presenti, partendo dalle loro esperienze pastorali come parroci, hanno ripreso con domande e sottolineature l'intervento di Don Lino.

La riflessione sulla figura di Don Paleari ha riportato all'attenzione dei presenti l'esigenza, più che mai attuale, di ritrovare nel servizio pastorale la via della semplicità e della gioia. Essere preti dell'ordinario è il compito che ci è assegnato in questo momento storico. Fare ogni cosa con l'amore di Dio che sgorga dalla preghiera. Queste alcune delle conclusioni dell'incontro che è proseguito poi presso la mensa del Seminario dove Don Lino ha potuto condividere la gioia del presbiterio locale.

 

SANTA MESSA CON GLI OSPITI DELLA CASA PER ANZIANI
di Monsignor Angelo Busi

La celebrazione eucaristica ha visto la partecipazione degli ospiti della casa, del personale di servizio e dei bambini della comunità familiare.

In un clima di grande festa abbiamo ricordato il comandamento dell'amore che Gesù ci ha lasciato. Farsi servi non è un segno di debolezza ma di vera forza e Don Francesco lo ha dimostrato con una vita impegnata a seguire Gesù: “attenzione agli altri è il modo in cui possiamo accogliere Gesù”. I canti dei bambini hanno portato nell'assemblea una nota di calore e di emozione che ha contagiato anche gli ospiti anziani.

“La vostra gioia sia piena”, dice Gesù ai suoi discepoli, ed è stata davvero gioia grande quella che insieme abbiamo vissuto con i sacerdoti concelebranti, Don Amedeo parroco di Compiano, Don Renzo, rettore del Seminario di Bedonia e Don Angelo che ha presieduto la celebrazione. Al termine, mostrando ai bambini la reliquia del beato, abbiamo voluto sottolineare che l'amore ci rende vivi anche quando l'età avanzata e la morte ci prende. Sul volto degli anziani si notava tanta commozione per un evento unico: la Santa Messa alla presenza della reliquia di Don Paleari, un discepolo autentico di Gesù.

Ora tocca a noi farci discepoli seguendo lo splendido esempio di Don Francesco, un discepolo e un pastore secondo il cuore di Dio. A rendere più bella la festa le religiose e il personale della casa “Rossi Sidoli”; una speciale merenda è stata al termine offerta a tutti i presenti che conserveranno nel cuore il ricordo di un incontro ricco di fede e di autentica gioia.

 

ACCOGLIENZA DELLA RELIQUIA DEL BEATO PALEARI
ALLA CASA DI RIPOSO ROSSI SIDOLI DI COMPIANO

di Sr Felicita, Sr Domenica, Sr Piera

Il 7/01/2014 è giunta a Compiano alla casa di Riposo “Rossi Sidoli” la reliquia del Beato Francesco Paleari. Evento tanto atteso e preparato facendo conoscere il nostro Beato, attraverso la visione del DVD fornitoci dalla Piccola Casa, suscitando così interesse ed entusiasmo negli ospiti e personale.

La reliquia, giunta dalla comunità di Campegine, è stata esposta nella sala di animazione, dove è stato recitato il santo Rosario, come proposto dal libretto. Il canto e la benedizione con reliquia, hanno concluso questo primo incontro. A sera è giunto Padre Lino Piano per la gioia di noi suore, poiché abbiamo avuto la possibilità di condividere il sentirci in comunione con la Piccola Casa.

Il giorno 8/01/2014 Padre Lino Piano ha concelebrato la Santa Messa con il nostro parroco Don Amedeo, alla presenza di numerosi ospiti. L'omelia di Padre Lino ha elevato i cuori di tutti, sembrava che il Beato Paleari fosse lì vivo tra noi. La benedizione con la reliquia ha emozionato un po' tutti. Padre Lino ha tenuto il ritiro spirituale dei sacerdoti del vicariato nel Seminario di Bedonia, proponendo loro la spiritualità del Beato Paleari.

Il 9/01/2014 c'è stata una Celebrazione Eucaristica presieduta dal vicario zonale Don Angelo Busi e concelebrata con Don Amedeo, parroco di Compiano e Don Renzo Corbelletta, rettore del Seminario di Bedonia. In parrocchia la visione del DVD del Beato ha suscitato grande interesse verso l'opera, la spiritualità e la vita della Piccola Casa da parte delle persone presenti tanto da suscitare in loro il desiderio di recarsi a Torino per conoscerla.

Il 10 gennaio la reliquia è stata consegnata alla comunità di Gaggio Montano. È stata una grazia grande l'aver avuto tra noi la reliquia di un nostro fratello che ha saputo “farsi tutto a tutti”, con amore, nella semplicità, con umiltà, gioia, dimostrandoci che la santità è possibile. È un percorso quotidiano che ci stimola a fare bene e con amore il nostro dovere. Questo è quanto è stato messo in evidenza dalle persone che hanno partecipato ai vari incontri e che hanno accolto con gratitudine i libri e l'oggettistica offerta.

Deo gratias!


Piccola Casa della Divina Provvidenza, via S. G. Cottolengo, 14 - Torino, tel.+390115225111 — Cookie policy