RAPPORTO CON I TERZI

Nella selezione dei fornitori di qualsiasi natura la PICCOLA CASA adotta criteri di valutazione comparativa idonei ad individuare il miglior contraente, in ragione della qualità del bene/servizio rapportata al miglior prezzo o all’of­ferta più vantaggiosa.

I DESTINATARI preposti alla stipula di contratti o al conferimento di incarichi di qualsiasi natura per conto  della PICCOLA CASA, devono improntare i procedimenti negoziali alla ricerca del massimo vantaggio per la stessa, ed agli indirizzi aziendali di esecuzione posti a garanzia della scelta del contraente, ed uniformando il proprio agire ai principi di Trasparenza ed Imparzialità.

I DESTINATARI, nello svolgimento delle funzioni cui sono preposti, devono agire nell’esclusivo interesse della PICCOLA CASA, astenendosi dal porre in essere condotte nelle quali possa anche solo potenzialmente essere ravvisata una situazione di conflitto di interessi, ovvero configurare ipotesi di reato od al­tri illeciti.

La violazione del CODICE ETICO da parte del TERZO comporterà la risoluzione di diritto del rapporto con­trattuale in essere, nonché il pieno diritto della PICCOLA CASA di chiedere ed ottenere il risarcimento dei danni patiti per la lesione della propria immagine ed onorabilità. Nelle ipotesi anzi richiamate, la regolamentazione dei rap­porti della PICCOLA CASA con i terzi prevede clausole di risoluzione espressa con il contenuto di cui sopra.

In seguito all’approvazione del CODICE ETICO, la PICCOLA CASA contatterà i TERZI al fine di emendare, per quanto possibile, i contratti in vigore inserendo la clausola di risoluzione espressa di cui al punto precedente. L’eventuale rifiuto sarà considerato elemento negativo ai fini delle successive procedure di selezione.

 


Piccola Casa della Divina Provvidenza, via S. G. Cottolengo, 14 - Torino, tel.+390115225111 — Cookie policy