29 dicembre 2012 - Druento -

Seminario formativo:
La Vita Consacrata al servizio della nuova Evangelizzazione

Chierici, fratelli e suore, novizi e postulanti tutti riuniti per testimoniare Gesù Cristo. Questo è il cuore di questo incontro vissuto insieme nella Casa di Spiritualità Mater Unitatis di Druento.

COME Gesù siamo chiamati a curare il cuore e il corpo di ogni creatura.

COME Gesù siamo chiamati ad avvicinare i piccoli, i bambini e i giovani.

COME Gesù siamo chiamati a entrare in dialogo con ogni uomo.

COME Gesù siamo chiamati a vivere la dimensione contemplativa.

COME Gesù siamo chiamati a camminare nella nostra quotidianità spinti dallo Spirito Santo per gettare “semi” di Vangelo, per seminare coraggiosamente senza pretese di un raccolto immediato.

In Gesù siamo nati per testimoniare il Vangelo, non ci sono regole per una Nuova Evangelizzazione, c’è una sola via: VIVERE il Vangelo.

La Vita Consacrata ha una unica e grande missione: testimoniare il primato di Dio, contribuendo a costruire luoghi di fraternità, luoghi di comunione e riconciliazione per vivere in unità e portare unità.

Ecco allora che l’obiettivo non è trasmettere una dottrina, ma portare una VITA NUOVA, una VITA SANTA: la Sua VITA.

29/12/2012 -Foto-

Audio della relazione.

Padre Trabucco (sacerdote dei Missionari della Consolata) dopo aver delineato una breve storia dell'evangelizzazione dalla prima comunità cristiana ad oggi, ha provocato la riflessione sulla sostanza e sulle nuove forme della evangelizzazione stessa, tenendo presente anche l'appena concluso Sinodo dei Vescovi dedicato a quest'ambito.
Sostanza, nucleo, centro vivo di quest'impegno sono l'esperienza dell'incontro con Gesù Cristo e il conseguente sbocciare della vita comunitaria che evangelizza: vita comunitaria fondata sull'Eucaristia, sull'unità dei suoi membri, sulla radicalità evangelica.
Da questo nucleo vivo si dipartono poi nuove linee di evangelizzazione caratterizzate da umiltà, dal rispetto dell'umanità e delle culture, dell'evangelizzazione amorevole, dei nuovi strumenti mediatici con cui poter evangelizzare, da una testimonianza provocante la vita altrui e quindi dall'invito alla conversione o al ritorno a Gesù Cristo, dal rispetto dello
spirito dei fondatori di famiglie religiose.
Dopo il lavoro in gruppi e la successiva condivisione si è tracciato un messaggio di sintesi: per i religiosi la nuova evangelizzazione si esprime nel lasciarsi evangelizzare dalla vita dei poveri ad essi affidati e nel vivere in modo sempre attuale il carisma del loro fondatore.

Deo gratias... alla Divina Provvidenza e ai nostri superiori che non ci fanno mancare occasioni preziose come questa, di crescita umana e spirituale!

I giovani cottolenghini in formazione


Piccola Casa della Divina Provvidenza, via S. G. Cottolengo, 14 - Torino, tel.+390115225111 — Cookie policy